* INFORM *

INFORM - N. 54 - 15 marzo 2001

Unione Europea - Verso lo statuto di residente di lunga durata per i cittadini extracomunitari

BRUXELLES - Su iniziativa del responsabile per la Giustizia e gli Affari interni, António Vitorino, la Commissione europea ha adottato una proposta di direttiva volta a conferire ai cittadini dei paesi terzi residenti nell’Unione Europea lo statuto di "residente di lunga durata". La proposta, in linea con le conclusioni del Consiglio europeo di Tampere del 15 e 16 ottobre 1999, attribuisce agli immigrati legali di lunga durata dei diritti equivalenti a quelli dei cittadini dell'UE. Per poter godere di tali prerogative, peraltro, gli interessati devono aver risieduto nel territorio dell'Unione legalmente e senza interruzione per un periodo di 5 anni, avere un minimo livello di risorse, e non costituire una minaccia per l'ordine pubblico e la sicurezza interna.

All'atto pratico, gli aventi diritto riceveranno un permesso di soggiorno di 10 anni, rinnovabile automaticamente, e beneficeranno di tutti quei diritti riconosciuti sulla base del principio di uguaglianza di trattamento con i cittadini del paese nel quale risiedono: cioè la possibilità di accesso a un lavoro salariato e alle attività indipendenti, istruzione e formazione professionale, protezione sociale, ecc., e potranno circolare liberamente da uno Stato membro all'altro. (Inform)


Vai a: