* INFORM *

INFORM - N. 54 - 15 marzo 2001

Per Satyricon proteste anche dal Venezuela

CARACAS - Mentre il Presidente della Repubblica, in giro per il mondo, cerca di tenere alti i valori dell’Italia tra un pubblico composto peraltro di connazionali mortificati dalle ultime vicende parlamentari sul voto all’estero... in Italia ci pensa la Televisione di Stato, terza rete, con la trasmissione Satyricon a fare da contro canto al nostro Presidente, definendo l’Italia, per tutt’altri motivi, un paese schifoso... e con ciò impiegando epiteti volgari che offendono la dignità di un paese. Proteste da tutto il mondo per questo modo becero di fare informazione o intrattenimento, per la forma insultante e tracotante di far uso dei beni della collettività per finalità propagandistiche e personali. "Se la trasmissione sarà inserita nei programmi destinati all’estero non esiteremo un momento a chiamare in giudizio la Rai", hanno dichiarato connazionali che in Venezuela seguono assiduamente la programmazione di Rai International. (M. Porta – notiziario Pagine – Venezuela)

Dura protesta al CdA della Rai per gli insulti di Satyricon. "Tenetele per voi le trasmissioni come Satyricon, i nostri figli non hanno bisogno di conoscere l’Italia attraverso le parole ed i giudizi irriguardosi dei Freccero e dei Luttazzi. Le strutture dell’informazione di stato non possono essere asservite a speciose campagne propagandistiche. Per far parlare di sé non si deve prendere di petto il sentimento nazionale e la dignità altrui...." Con queste parole si è rivolto, al CdA Rai, Vitaliano Vita del Consiglio Generale degli Italiani all’Estero, commentando la notizia degli insulti all’Italia rivolti da Luttazzi e l’attacco becero portato a Berlusconi, in piena campagna elettorale da Rai 3 nel corso della trasmissione Satyricon. Ha provocato indignazione questo pericoloso precedente che vede in queste digressioni un pericoloso segnale di sconfinamento ed abuso della informazione pubblica, circostanza che deve far riflettere a proposito dei pericoli attribuiti all’informazione delle reti private. Una lettera di indignazione è stata inviata al Direttore di Ra International Magliaro con la quale si diffida la rete dall’inserire nei programmi destinati all’estero la trasmissione in questione.

Satyricon effetto boomerang: Messaggi di solidarietà per Berlusconi dagli Azzurri nel Mondo La notizia dell’attacco portato a Silvio Berlusconi dalla terza rete Rai nel corso della trasmissione Satyricon, oltre alle prese di posizione assunte da alcuni rappresentanti degli italiani all’estero, ha provocato reazioni di solidarietà con Silvio Berlusconi anche da parte delle associazioni Azzurri nel Mondo del Centro e Sud America. "Caro Presidente - dice tra l’altro il messaggio del coordinatore d’area - gli argomenti, le espressioni ed il momento scelto per divulgare certe affermazioni, costituiscono gli elementi di giudizio per valutare i Suoi avversari che, invece, non esitano ad utilizzare mezzi e strutture del contribuente per scopi di cassetta e interessi personali. Deve preoccupare invece l’assenza nella informazione di Stato di principi informatori e di comportamento, che, vista la ripetizione di certi episodi fanno ritenere si sia di fronte ad uno stato di anarchia nel quale ognuno fa e dice quel che vuole, preoccupato più di render conto ai propri referenti politici che all’istituzione." (Pagine/Inform)


Vai a: