* INFORM *

INFORM - N. 47 - 6 marzo 2001

"Noi nel mondo", un ponte con i siciliani all’estero

Dal 9 all'11 marzo il Convegno internazionale sull’emigrazione promosso dalla Provincia regionale di Palermo

PALERMO - "Noi nel mondo", un ponte fra i siciliani all’estero e la loro terra. Il convegno internazionale organizzato dalla Provincia regionale di Palermo, in collaborazione con l’Associazione Area Formazione e Lavoro, in programma del 9 all’11 marzo, è rivolto propria alle migliaia di emigrati che della Sicilia si sono trasferiti in varie parti del mondo.

L’obiettivo della Provincia è quello di contribuire al potenziamento dei rapporti fra il territorio provinciale e le comunità di siciliani all’estero, attraverso progetti e iniziative reciprocamente utili per lo sviluppo di attività economiche. Un processo che passa attraverso il rafforzamento di valori e identità che vanno rivitalizzati nell’ottica delle esigenze culturali delle nuove generazioni.

Punto di partenza indispensabile è la consapevolezza che l’Italia non è più un Paese di emigrazione ma anche e soprattutto di immigrazione. Un fenomeno che coinvolge anche la Sicilia, determinando un nuovo scopo, ossia quello di creare le condizioni affinché l’emigrazione torni ad essere una risorsa, seppure in termini diversi. II convegno dunque è rivolto ai siciliani che all’estero hanno avuto successo e alle nuove generazioni che, spesso, non conoscono la loro terra d’origine.

Ma l’attenzione è rivolta anche a chi è stato meno fortunato, mettendo a punto iniziative e progetti a sostegno di questi conterranei. Informazione, diritti e formazione le tre direttive principali attraverso cui avviare questo percorso.

Sul fronte dell’informazione dunque parte il sito web "Sicily to Sicily", crocevia fondamentale di iniziative economiche e culturali. La tutela dei diritti degli emigrati siciliani invece è affidata al tentativo di estendere 1’applicazione delle misure comunitarie anche a chi vive fuori dall’Europa. Nel corso del convegno inoltre sarà presentato un progetto di legge che intende realizzare un canale privilegiato per i figli degli emigrati che intendono rientrare in Italia. Un’iniziativa importante, alla luce del fatto che crescono continuamente le richieste, soprattutto dal Sudamerica, per riavere la cittadinanza italiana. Solo a San Mauro Castelverde l’anno scorso, ad esempio, sono state inoltrate oltre cento istanze.

Il convegno, organizzato in collaborazione con L’Isola Felice, 1’Aapit, il Parco delle Madonie e i Comuni di San Mauro Castelverde e Cefalù, si articolerà in tre giornate.

La prima si aprirà venerdì 9 marzo alle 9 nella Sala Gialla di Palazzo dei Normanni e sarà dedicata agli aspetti dell’informazione e della cultura. Nella seconda giornata, programmata nella Sala delle Capriate a Cefalù, a partire dalle 9,30, saranno affrontati i temi legati all’economia e al commercio. L’ultimo giorno infine è prevista una gita all’interno del Parco delle Madonie e l’incontro con la cittadinanza a San Mauro Castelverde dove saranno anche consegnati i riconoscimenti.

A portare la loro testimonianza saranno rappresentanti del mondo politico, imprenditoriale, delle professioni, della cultura e dell’informazione che faranno il punto sugli aspetti normativi e giuridici e sulle iniziative in corso, anche alla luce della questione del voto degli italiani all’estero. (Inform)


Vai a: