* INFORM *

INFORM - N. 42 - 27 febbraio 2001

Mimmo Azzia: trend positivo di "Sicilia Mondo" anche nel 2000

CATANIA - L’anno 2000 lascia alle spalle un secolo che ha fatto vivere a "Sicilia Mondo" una esperienza esaltante durata 34 anni senza mai conoscere soste o interruzioni.

Se interroghiamo la storia di questo arco di tempo, ci accorgiamo come ognuno di questi anni abbia lasciato un "suo segno" particolare registrando una crescita sempre più costante e partecipativa con i corregionali che vivono all'estero. Fino ai nostri giorni.

Questo inizio di secolo, lungi dal costituire un traguardo o una meta da raggiungere, è ancora una volta un punto di partenza tutto da percorrere e da vivere nei prossimi anni.

Anche il 2000 ha lasciato il "suo segno". Sul piano nazionale gli avvenimenti più importanti sono stati due: la modifica da parte del Parlamento degli artt. 56 e 57 della Costituzione che consentirà, dopo 40 anni di attesa, l’esercizio del diritto di voto agli italiani all’estero ­ manca solo la legge ordinaria sulle modalità e procedure del voto ­ e la celebrazione a Roma della "I° Conferenza degli Italiani nel mondo" che ha visto la partecipazione di oltre 1000 delegati provenienti da tutti i continenti. L’ultima Conferenza risale al 1988, cioè 12 anni addietro.

Sul piano regionale è stata ricostituita la Consulta della Emigrazione e della Immigrazione.

Per "Sicilia Mondo" il 2000 ha confermato il trend positivo degli anni precedenti. Emblematico il consuntivo delle attività: febbraio: - incontro con le comunità siciliane di Milano, Garbagnate, Magenta, Limbiate e Bollate; marzo: - "Giornata della donna in emigrazione" a Catania e in 43 associazioni all’estero; aprile: - incontro a Brooklyn con l’assemblea generale della FIAO e le numerose associazioni siciliane ed incontro ad Hartford (Connecticut) con la comunità siciliana; maggio: - partecipazione al convegno mondiale "Umanesimo Latino e globalizzazione" di New York; - celebrazione della "Giornata del siciliano nel mondo" a Catania ed in numerose associazioni aderenti nelle Americhe, in Australia, in Africa, in Europa ed in altre regioni italiane; - iniziativa di "Turismo Sociale" in Sicilia per 30 ospiti siciliani provenienti da Milwaukee (Wisconsin), Detroit (Michigan) e San Francisco (California); giugno: - convegno giovani dell’Europa in Belgio, a Namur e Liegi; luglio: - manifestazione a Roma per la costituzione di "Siciliamondo Roma"; - iniziativa culturale siciliana all’Italian Festival di Milwaukee; - partecipazione alla "Giornata dei "Piedimontesi nel mondo"; - partecipazione al Giubileo dei migranti di Acireale; agosto: - partecipazione alla "VI edizione dei Ragusani nel mondo"; settembre:- convegno continentale giovani in Australia a Perth, Brisbane, Sydney, Adelaide e Melbourne; novembre:- partecipazione alla iniziativa culturale dei ragusani nel mondo a Buenos Aires e San Salvador de Jujuy; dicembre: - partecipazione alla "I° Conferenza degli Italiani nel mondo" e presentazione di un documento ed una "mozione" di "Sicilia Mondo";

Il 2000 è stato caratterizzato da un forte impegno nei confronti del mondo giovanile e del suo coinvolgimento nelle attività di "Sicilia Mondo". Ricordiamo l’avvio del "progetto giovani", la costituzione di una "struttura giovanile" in seno alle associazioni aderenti, ""l’antenna giovani Sicilia Mondo", la partecipazione di rappresentanti dei giovani alle iniziative negli Stati Uniti a Brooklyn, New York, nel Connecticut ad Hartford, nei convegni giovani in Belgio a Liegi e Namur, a Parigi, nei convegni giovani di Bardolino (Verona) e Basilea (Svizzera) organizzati dai giovani dell’ UTRI-ULM, la programmazione del Convegno mondiale giovani che avrà luogo a Catania dal 6 al 12 aprile del 2001, collaborazione con la news-letter "Sicili@", settimanale di cultura ed informazione edito dai giovani.

Fondamentale è stato il ruolo della rivista "Sicilia Mondo" che ha portato il messaggio della sicilianità in tutti i continenti. Con i suoi contenuti ha tenuto vivo il dibattito sui problemi delle nostre comunità nel mondo e dato "voce" alla "informazione di ritorno" facendo conoscere la "risorsa" rappresentata dalla "altra Italia" e dalla "altra Sicilia".

Anche nel corso del 2000 "Sicilia Mondo" è stata costantemente presente nello scenario nazionale e regionale con le sue sollecitazioni, i suoi interventi e le sue proposte nei confronti del Governo Centrale, del Parlamento, della Regione e delle altre Istituzioni interessate ai problemi delle comunità siciliane.

Tema dominante anche per il 2000 è stata la ricerca costante del dialogo, dell’incontro e del rapporto diretto ed umano con le comunità e con i tantissimi siciliani che negli ultimi anni si sono organicamente collegati con "Sicilia Mondo" grazie anche alle moderne strutture informatiche e tematiche.

Nelle logiche di "Sicilia Mondo" è stata incentivata la politica di coinvolgimento delle Istituzioni e delle comunità italiane all’estero, spesso al di là delle strettoie dell’associazionismo, in direzione di una più ampia apertura nei confronti delle società che ospitano le nostre comunità, specie con le nuove generazioni.

La "cultura siciliana" con i suoi valori e le sue tradizioni è universalmente apprezzata e si è radicata nelle società di accoglienza. "Sicilia Mondo" ha puntato alla valorizzazione di questa cultura siciliana costruendo e rilanciando ovunque un "interesse nuovo" nei confronti della Sicilia, nel contesto dell’impegno per la diffusione della cultura e della lingua italiana.

Nel corso del 2000 non sono mancati i riconoscimenti a "Sicilia Mondo" con la Vice presidenza dell’UNAIE, la Vice Presidenza italiana dei Latini nel mondo, il premio dell’anno nel New Jersey ed il premio Aci e Galatea di Acireale. Nella rilettura del 2000 e degli anni positivi del passato, "Sicilia Mondo" ritrova nuovo impegno e nuova tensione per le sfide dei prossimi anni. (Mimmo Azzia*-Inform)

* Presidente di Sicilia Mondo


Vai a: