* INFORM *

INFORM - N. 36 - 19 febbraio 2001

Dini interviene all'inaugurazione del Consolato d'Italia di Scutari

SCUTARI - L’apertura del Consolato d’Italia a Scutari costituisce un avvenimento di grande rilevanza per le relazioni tra l’Albania e l’Italia. Lo ha detto il ministro degli Esteri Dini, intervendndo il 17 febbraio alla cerimonia inaugurale, alla presenza del primo ministro albanese Ilir Meta. Con l’apertura del Consolato, l’Italia ha inteso dare un ulteriore significativo impulso alla sua presenza, assicurando servizi più efficienti in tutta l’Albania, riducendo i tempi di rilascio dei visti di ingresso in Italia e fornendo una assistenza più puntuale e più efficace agli operatori economici italiani che desiderano intensificare o avviare attività commerciali o industriali in Albania.

Ma la presenza dell’Italia attraverso l’Ambasciata a Tirana, il Consolato Generale a Valona e il Consolato a Scutari - ha detto Dini - riveste per noi tutti un significato più ampio: quello, cioè, di un contributo italiano attivo ed efficace allo sviluppo dell’Albania. Rilievo centrale assume la lotta alla criminalità organizzata. I successi ottenuti in questo campo, riscontrati dai rispettivi organi di polizia, confermano che il cammino comune intrapreso fin dal 1997 - basato sulla collaborazione e la cooperazione - era quello giusto: l’adozione in entrambi i Paesi di nuovi ed efficaci strumenti legislativi, un’opera mirata di prevenzione, una più intensa azione di controllo dei tratti costieri dei due Paesi, l’accresciuta presenza delle forze di polizia nel Mar Ionio e nel Mare Adriatico, più stretti contatti tra le rispettive magistrature. (Inform)


Vai a: