* INFORM *

INFORM - N. 34 - 15 febbraio 2001

Germania - Non è ancora il momento per una nuova legge per l’immigrazione

BERLINO - Il Governo tedesco non pare intenzionato a varare una nuova legge sull’immigrazione entro la fine del suo mandato (2002). Da anni si attende in effetti una regolamentazione unitaria che prenda in esame i molteplici aspetti legati all’assunzione di lavoratori stranieri, ai ricongiungimenti famigliari e all’integrazione degli immigrati nella società di accoglienza. Per considerare una materia così complessa, tuttavia, non rimane molto tempo all’attuale coalizione di governo. Si attendono tra l’altro i risultati del lavoro della Commissione nominata dal ministro degli interni per valutare in quali termini la Germania necessiti di nuova immigrazione e per proporre in quale modo essa debba essere gestita. L’ipotesi più probabile è che già durante l’attuale legislatura, oltre i tecnici del settore informatico, anche altre categorie di lavoratori stranieri possano ottenere dei permessi di soggiorno in modo da rispondere alle esigenze del mercato del lavoro in maniera rapida e flessibile. Questo è possibile anche senza dover approvare una nuova legge, la cui realizzazione verrà probabilmente rimandata a dopo le elezioni del 2002.

I partiti dell’opposizione hanno criticato questa scelta del governo, sottolineando l’urgenza di regolamentare l’immigrazione, che appare ormai per motivi economici e umanitari inevitabile. (Luisa Deponti-CSERPE/Inform)


Vai a: