* INFORM *

INFORM - N. 30 - 9 febbraio 2001

Svizzera - Nuove proposte per la naturalizzazione

BERNA - Il Consiglio federale ha dato avvio al processo di revisione della legge sulla cittadinanza, mettendo in consultazione una serie di novità relative alle naturalizzazioni. Il primo provvedimento riguarda i giovani della seconda generazione che hanno frequentato per almeno 5 anni le scuole svizzere: per loro è prevista una procedura accelerata di naturalizzazione, a cui si accede presentando una richiesta nell’età compresa tra i 15 e i 20 anni.

Di carattere rivoluzionario per il diritto elvetico è la proposta di introdurre lo ius soli (diritto del suolo) per i ragazzi della terza generazione nati nella Confederazione: essi potrebbero acquisire automaticamente la nazionalità svizzera al momento della nascita. Altre importanti novità sono la riduzione delle tasse di naturalizzazione, la semplificazione della procedura e la possibilità di ricorso da parte dei candidati respinti nel caso in cui sussista il dubbio di decisione discriminatoria o arbitraria da parte delle autorità cantonali o comunali. Quest’ultima misura appare come una risposta agli episodi avvenuti nel recente passato a Emmen e a Pratteln, dove in maniera evidente la cittadinanza era stata negata in base alla nazionalità di origine. Le proposte del Consiglio federale rimarranno in consultazione fino a maggio. La votazione su questo tema, che richiede modifiche costituzionali, avverrà probabilmente dopo il 2003. (Luisa Deponti-CSERPE/Inform)


Vai a: