* INFORM *

INFORM - N. 19 - 25 gennaio 2001

Dichiarazione della senatrice Franca D'Alessandro Prisco (DS)

Per il voto degli italiani all'estero Forza Italia si assumerà la responsabilità di non aver permesso l'approvazione della legge

ROMA - "L'opposizione si assumerà la responsabilità di non aver fatto approvare la legge ordinaria per il voto degli italiani all'estero" - ha dichiarato la senatrice Franca D'Alessandro Prisco, diessina, relatrice in Senato dei provvedimenti sul voto all'estero. "Forza Italia ha calato la maschera, non vuole permettere l'esercizio di questo diritto fondamentale agli italiani residenti all'estero".

"La Commissione ha perso una settimana di tempo utile - ha proseguito la relatrice -, perché il Polo ha messo in atto ogni forma di tattica dilatoria, prima chiedendo ai ministri di venire in commissione e tentando di ricusare la presenza die sottosegretari, poi iscrivendo tutti i suoi parlamentari a parlare. Solo Alleanza Nazionale - ha precisato - si è comportata in modo costruttivo. Siamo in presenza di un altro clamoroso caso di spaccatura nell'opposizione.

"Il Governo, per bocca del sottosegretario Danieli, ha evidenziato tutte le difficoltà che scaturiscono dai tempi molto ristretti, ma ha anche accolto la mia richiesta di presentare emendamenti tecnici per semplificare tutte le operazioni burocratiche e cercare di restringere al massimo le procedure necessarie per permettere ai nostri concittadini residenti all'estero di poter esercitare il diritto di voto già dalle prossime elezioni.

"E' impensabile non approvare in questa legislatura la legge ordinaria per il voto all'estero, dopo che nel corso degli ultimi cinque anni il Parlamento è stato chiamato a ben due modifiche costituzionali (articoli 48 56 e 57). La Commissione riprenderà i propri lavori martedì - ha detto infine la senatrice Prisco - e aspetto l'opposizione al varco". (Inform)


Vai a: