* INFORM *

INFORM - N. 9 - 11 gennaio 2001

Ancora pochi giorni per la partecipazione al Concorso. Una sezione riservata ai Bellunesi all'estero

Poesie d'amore nel paese di San Valentino

BELLUNO - A Limana, in provincia di Belluno, sono conservate le spoglie di San Valentino, patrono degli innamorati. In occasione dell'annuale festa viene organizzato un premio di poesia in dialetto triveneto e quest'anno è stata istituita una speciale sezione per i bellunesi nel mondo. Il termine ultimo di presentazione degli elaborati scade il prossimo 20 gennaio.

Per Limana, comune di circa cinquemila abitanti, sulla sinistra del fiume Piave, a pochi chilometri da Belluno, quella di San Valentino è una festa davvero particolare. Il Santo protettore degli innamorati è infatti anche il patrono del paese: nella chiesa parrocchiale sono custodite dal 1842 le spoglie di San Valentino, dono del Papa Gregorio XVI.

Da nove anni, in occasione di questa celebrazione, la Pro Loco e l'amministrazione comunale organizzano, con il patrocinio della Regione Veneto, un premio di poesia in dialetto triveneto. Il tema, ovviamente, non può che essere l'amore.

Per l’edizione 2001 è stata istituita una nuova sezione riservata ai bellunesi residenti all’estero. "Si tratta di un modo semplice per rinforzare il legame storico e culturale con la terra d’origine - spiega il presidente della Pro Loco, Paolo Tormen -, un’occasione per comunicare con il dialetto, da sempre espressione linguistica degli affetti".

Per chi è interessato a partecipare al concorso, rimangono pochi giorni per la consegna delle opere: il termine ultimo scade sabato 20 gennaio 2001. Questo il regolamento del premio:

Articolo 1 - La Pro Loco ed il Comune di Limana, in occasione della Festa di San Valentino 2001, nel contesto del 9° Premio di Poesia dialettale istituiscono il 1° Premio di Poesia in dialetto bellunese destinato ai Bellunesi residenti all’estero.

Articolo 2 -Possono partecipare al concorso gli emigranti bellunesi ed i loro discendenti residenti all’estero.

Articolo 3 - Ogni concorrente può presentare da una a tre poesie, senza limite di versi, scritte nel dialetto parlato nella zona di provenienza, purché la stessa rientri nel territorio della Provincia di Belluno.

Articolo 4 - Data l’occasione le opere devono avere come tema l’amore, inteso nella sua dimensione universale e nelle sue molteplici forme di espressione. Le opere presentate devono essere inedite. L’organizzazione si riserva il diritto di una eventuale pubblicazione dei lavori presentati senza che ciò comporti compenso alcuno all’autore.

Articolo 5 - Le composizioni devono pervenire all’organizzazione entro e non oltre sabato 20 gennaio 2001. Il concorrente può scegliere tra le seguenti modalità di recapito: a) Biblioteca Comunale di Limana, Via Salvo d’Acquisto 26, 32020 Limana (BL), ITALIA; b) Fax: +39-0437-970868; c) E-mail: bibliolimana@tiscalinet.it. Qualora si scelga di inviare le composizioni via e-mail i singoli versi dovranno essere separati dal segno /

Articolo 6 - L’iscrizione è gratuita. Le opere dovranno essere accompagnate dai dati anagrafici dell’autore (nome, cognome, data di nascita e indirizzo), con l’indicazione della zona di provenienza (bellunese) propria o della propria famiglia.

Articolo 7 - La commissione giudicatrice sarà composta da esperti di poesia dialettale bellunese e sarà presieduta da Gianluigi Secco (Belluno).

Articolo 8 - La partecipazione al concorso implica l’incondizionata accettazione delle norme che lo regolano. L’inosservanza delle stesse implica l’esclusione dal concorso.

Articolo 9 - Il Premio da assegnare è di Lire 1.000.000. Altri premi, consistenti in libri di storia e cultura bellunese, saranno eventualmente assegnati a discrezione della commissione giudicatrice. I giudizi della stessa sono inappellabili. Le premiazioni avranno luogo a Limana domenica 18 febbraio 2001. (Vneti nel Mondo/Inform)


Vai a: