Esempio di VPH: dotProject.net

In questo esempio mostreremo come è possibile utilizzare una VPH per installare un tipico applicativo web che richiede un server di tipo LAMP.

Un utilizzo tipico della VPH è quello di ospitare applicazioni web scritte in php che utilizzano un server web Apache e un db mySQL come base dati. L’utilizzo di queste web application è talmente diffuso che si è creato un acronimo per i sistemi che sono in grado di ospitare tali applicationi.

Linux Apache MySQL PHP ovvero LAMP.

Per avere un server LAMP personale è sufficiente acsuistare una VPH selezionando i moduli Apache (con php) e mySQL.

Requisiti

Nella rete è possibile trovare una grande quantità di progetti opensource scritti in php che è possibile installare su una VPH.

Per capire se è possibile installare una webapplication sulla propria VPH è sufficiente verificare che la versione PHP e mySQL sia compatibile con la web application desiderata.

La VPH dovrà avere i moduli Apache, php e mySQL.

Verificare che lo spazio libero sia sufficiente.

Setup

dotProject è una webapplication per la gestione di progetti.

In generale l’installazione di una webapplication in php è processo molto semplice. I passi in genere sono i seguenti:

  • Scaricare i sorgenti in php
  • Eseguire l’upload dei file nella posizione richiesta
  • Verificare i requisiti per la parte di db
  • Lanciare lo script di installazione. In genere /install/index.php
  • Seguire le istruzioni
  • Eseguire il login nel backend di gestione dell’applicazione installata
  • Installare il language pack
  • [opzionale] creare un virtual host nella configurazione di apache se si vuole che la webapplication risponda ad un dominio specifico

Analizziamo i 6 punti passo passo.

Scaricare i sorgenti

Per scaricare i sorgenti di dotproject è sufficiente seguire il link indicato sul sito www.dotproject.net. E’ possibile scaricare un file tar.gz o zip.

Upload dei file

Per eseguire l’upload dei file si possono seguire due strade:

  • Utilizzare il File Browser di webmin: è possibile caricare il file direttamente in tar.gz e poi chiedere di decomprimerlo direttamente sulla vph
  • Tramite un client sftp come winscp per windows o cyberduck per Mac

Quando viene rilasciata una VPH con Apache viene creata una cartella public_html di default nella home dell’utente admin. E’ possibile installare tutte le webapplication in questa cartella.

Nel caso specifico di dovrà creare la cartella dotproject dentro public_html con tutto il contenuto presente nel file compresso scaricato in precedenza.

Attenzione!! Nel caso in cui viene utilizzato il file manager di webmin eseguire l’upload come utente admin. Nel caso in cui si utilizza un client sftp assicurarsi che il client non forzi i permessi dei file.

Ricordiamo che a differneza di ftp, sftp è in grado di modificare i permessi di accesso dei file. Questo spesso genera confuzione. Sarà comunque possibile modificare i permessi dei file in un secondo mometo.

Verificare requisiti db

dotProject utilizza mySQL. La VPH viene rilasciata di default con il mySql configurato affinchè l’utente admin sia in grado di gestire tutte operazioni sul server mySQL. Se siete riusciti ad eseguire l’upload dei file vuol dire che avere la password di admin. Nella pagina di installazione di doproject si dovrà utilizzare l’utente admin come utente del db.

Script di installazione

una volta esguito l’upload dei file si deve utilizzare un browser per lanciare l’installazione.

Se i file sono stati copiati correttamente il file si troverà nella cartella public_html/dotproject/install/index.php e quindi sarà sufficiente digitare:

http://[ip_vph]/dotproject/install/index.php

Attenzione! se si ha un messaggio di access denied verificare i permessi della cartella dotproject con il file browser di webmin o con il client winscp.

Lo script di installazione esegue una verifica di compatibilità dell’ambiente. In genere gli unici problemi sono legati ai permessi dei file. Fortunatamente lo script riporta un report con eventuali problemi. Nel caso di problemi di permessi utilizzare il proprio client sftp o il file manager di webmin per modificare i permessi in modo che anche l’utente apache possa scrivere nelle cartelle indicate dallo script di installazione di dotProject.

Seguire le istruzioni

Risolti i problemi di compatibilità tutto è molto semplice. L’unico dato da indicare è quello relativo all’account del db. Come già detto in precedenza utilizzare l’utente admin con la solita password.

Volendo è possibile utilizzare l’interfaccia di amministrazione del db (webmin o phpmyadmin) per creare un utente di db specifico per l’applicazione dotProject.

Eseguire il login nel backend

L’installazione richiede pochi secondi. Al termine viene mostrato un link per eseguire il login al backend di dotproject.

Lo script di installazione crea un utente di default con una password di default. In genere l’utente è admin e la password passwd.

Si potrà così personalizzare il proprio ambiente e modificare la password dell’utente admin.

Installare il language pack

Opzionalmente si può installare il language pack in italiano di dotproject. Sarà sufficiente scaricare il file compresso dal sito www.dotproject.net, creare la cartella it nella cartella dotproject/locale e copiare i file scaricati.

Al successivo login dell’utente admin sarà visibile nella combo degli user preference anche la scelta della lingua it (italiano).

Creare il virtual host in apache

Se necessario è possibile utilizzare un dominio per il sito dotproject oppure creare un dominio di terzo livello come ad esempio dotproject.miodominio.it. In questo articolo non entriamo nello specifico della gestione dei domini ma assumiamo che l’utente disponga di un dominio specifico.

Per creare un virtual host in apache è sufficiente seguire le istruzione riportate nella FAQ di Apache “Creare un virtual host in Apache“.

Conclusioni

Queste note non rappresentano essere una guida all’utilizzo di un prodotto come dotproject. Non è nostra intenzione promuovere l’utilizzo di dotproject con le VPH. Ci interessava illustrare con un esempio semplice come è possibile estendere le funzionalità di una VPH. Esistono tantissimi progetti open source e in genere basta verificare di avere selezionato i moduli giusti e l’installazione di questi applicativi non comporta mai dei problemi.

Un esempio di applicativo php mysql è joomla. A richiesta si può richiedere una VPH con joomla già configurato ma in modo simile a dotproject, joomla potrà essere installato in un secondo momento.